In nome del popolo sovrano

22 giugno 2009

Su spunto di GiaT sono tornato a vedere il referendum sulla legge proporzionale del 1993. E ho scoperto cose importanti. Soprattutto riguardo al rispetto che l’istituto referendario gode presso i nostri legislatori. Il 18 e 19 aprile si tennero 8 quesiti referendari che furono: sulle norme che regolano i controlli ambientali; depenalizzazione dell’uso personale di stupefacenti; abolizione del finanziamento dei partiti politici; abrogazione delle norme di nomina dei vertici delle casse di risparmio; abolizione della partecipazioni statali; abrogazione delle leggi elettorali per il Senato; abolizione del Ministero dell’ Agricoltura e Foreste; abolizione del Ministero del Turismo e Spettacolo. Intendevo scrivere un post per riflettere solo sul referendum elettorale ma non posso fare a meno di notare come ci si sia allegramente fottuto dell’esito di alcuni degli altri referendum. In tutti i casi vinsero i Sì ma adesso, nel 2009, possiamo vedere come l’abrogazione delle pene per l’uso personale di droghe debba scontrarsi con la Giovanardi-Fini, il finanziamento dei partiti politici esiste ancora, mentre il ministero dell’agricoltura è diventato quello delle politiche agricole, e il ministero del turismo è stato appena reintrodotto per la Brambilla. Tutto mentre in sotto fondo si sentiva gridare: Potere al Popolo

Annunci

One Response to “In nome del popolo sovrano”

  1. GiaT Says:

    Già. E pensa che fine ha fatto il referendum sul nucleare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...